Scoprire, immaginare, progettare paesaggi

Intervenire sul paesaggio per noi significa, prima di tutto, indagare il funzionamento delle cose, cercare di comprendere i processi che ci circondano e dei quali facciamo parte.

La nostra intenzione è quella di provocare reazioni all´interno dei processi, di sollecitare coinvolgimenti, di esplorare le caratteristiche di un luogo, come rivelazione del luogo in sé, dei suoi segreti, della sua personalità, dei suoi processi di funzionamento, spesso nascosti o dimenticati. I temi sorgono, quasi spontaneamente, dai luoghi. In questo senso progettare per noi significa delineare un processo, che noi attiviamo ed indirizziamo, ma che poi procede autonomamente.

Un progetto di paesaggio non termina dopo la sua costruzione, ma comincia ad evolversi dal momento del completamento definito dagli elaborate progettuali, e sempre in stretta relazione con le condizioni ambientali.

E’ con tali temi che i progetti di paesaggio devono confrontarsi.

Progettare il paesaggio – un parco, un giardino – per noi significa delineare l’insieme dei principi per la costruzione del tessuto di rapporti che lo costituiscono. Rapporti tra il suo territorio e il contesto, tra le piante e gli animali che lo abiteranno, tra le persone che vi passeggeranno, tra i bambini che vi giocheranno.